metamorfosi in sè

“Il suo scatto non ama proporre i paesaggi, ma ugualmente sprofonda nella natura, predilige la somiglianza tra esseri umani e alberi, figure che mette in relazione nell’armonia delle forme. Così accade anche con gli animali.Riprende persino l’antica simbiosi tra l’uomo e il cavallo e ne ritrae la disponibilità e la generosità reciproche”. (I.M.)

Per vedere la sintesi della mostra personale intitolata “Metamorfosi in sè” clicca la galleria